the china study

The China Study

Il manuale di T. Colin Campbell e Thomas M. Campbell

The China Study

 

Ho letto questo libro almeno 3 volte e trovo che sia lo studio più completo sull’alimentazione mai condotto.

Colin Campbell e Thomas M. Campbell hanno dato vita a quello che amo definire “il manoscritto” che tutti dovrebbero leggere.

The China Study ci dimostra quanto l’alimentazione sia essenziale per avere una salute di ferro ed evidenzia l’aspetto più saliente di sempre: l’alimentazione può innescare malattie, ma le può anche disinnescare.

Cosa voglio dire?

Colin Campbell è uno scienziato di fama mondiale ed insegna anche nutrizione biochimica alla Cornell University. Non è quindi l’ultimo arrivato nel campo della nutrizione e grazie ai suoi esperimenti condotti su cavie animali ci sono dei dati interessanti sul rapporto alimentazione-tumore e l’effetto della caseina sul nostro corpo.

Che cos’è la caseina?

La caseina è una proteina che troviamo in latte e derivati.

La cosa straordinaria degli esperimenti condotti è che l’insorgenza di tumori era molto più elevata in ratti nutriti con proteine animali rispetto a quelli nutriti con proteine vegetali. Ma non solo!

Quando si presentava il tumore, si poteva disinnescare il problema cambiando nutrizione. Viceversa quando si voleva innescare il tumore si poteva aumentare l’assunzione di proteine animali.

Tradotto in parole povere significa che l’alimentazione dovrebbe essere plant-based il più possibile, in quanto un aumento di proteine animali crea un maggior rischio di avere malattie e tumori.

Il grasso derivante da prodotti animali è dannoso per la nostra salute e anche il dott. Esselstyn la pensa nel medesimo modo:

“Dopo undici anni di carriera come chirurgo, cominciai a provare un senso di disinganno per il paradigma terapeutico della medicina americana nelle malattie oncologiche e cardiache. In cent’anni poco era cambiato nella cura del cancro, e  né in campo oncologico, né in quello cardiologico si compivano grandi sforzi per la prevenzione. Trovavo comunque provocatoria l’epidemiologia di queste patologi: tre quarti degli essere umani di questo pianeta non accusavano cardiopatie, un fatto fortemente correlato con la dieta”.

Così il dott. Esselstyn iniziò a preoccuparsi della prevenzione e della cura partendo dalla dieta. Diciotto pazienti si erano rivolti a lui quando erano già gravemente cardiopatici e nell’arco degli 8 anni precedenti allo studio di Esselstyn avevano subito 49 eventi coronarici, compresi angina, bypass, infarti, ictus e angioplastica. Grazie al cambio di dieta, prevalentemente plant-based, il grasso endogeno medio iniziale di 246 mg/dl scese a 132 mg/dl.

Il 70% dei pazienti del dott. Esselstyn aveva potuto vedere la riapertura delle proprie arterie intasate. Undici di loro avevano avuto una riduzione dell’occlusione del 7% nei primi 5 anni (questo significa un aumento del volume del sangue all’interno delle vene del 30%).

Apriamo anche una bella parentesi sul fattore “carico acido nell’organismo”.

La continua assunzione di proteine animali produce una concentrazione molto elevata di acido, conseguenza?

Il corpo, macchina perfetta quale è, vedendo la situazione acida interna deve trovare un modo per basificare il corpo.

Come? Prendendo tutte le sostanze basiche da ciò che ingeriamo e poi quando ciò che introduciamo non basta è costretto a chiedere calcio.

Qual è la riserva di calcio maggiore nel corpo? Le ossa.

Il corpo quando ha troppo acido, prende un pochetto di calcio dalle ossa e il risultato è che le ossa si indeboliscono e sono facili a fratture. Spiegata l’osteoporosi e sfatato il mito che chi soffre di osteoporosi necessita di più latticini per il calcio.

Basta qualche fico secco, semino di sesamo o verdura e frutta che l’apporto di calcio necessario è introdotto e basta aumentare il consumo di proteine vegetali, come ad esempio i legumi, e limitare quelle animali per migliorare lo stato generale di salute.

Questo libro racchiude 27 anni di studio epidemiologico, realizzato in collaborazione con diverse università. Gli scienziati T. Colin Campbell e il figlio Thomas M. Campbell studiano le relazioni tra malattie e dieta, pertanto termino questa breve e sintetica parentesi inerente a The China Study invitando tutti alla lettura. Penso che ognuno di noi ha il diritto e anche il dovere di informarsi maggiormente su ciò che ingeriamo 🙂



Chi è Chiara Buffoli? Leggimi
p.s. Se ancora non l’hai fatto, ti invito a seguirmi sui miei canali social!
Condivido pillole di benessere olistico ogni giorno ?
INSTAGRAM: chiarabuffoli_benessere
Youtube: Benessere con Chiara
Facebook: Benessere con Chiara